Archivio documenti

18.02.2011
COMUNICATO CASSA INTEGRAZIONE ALITALIA: TANTI NODI DA SCIOGLIERE
Comunicato

DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI

COMUNICATO

CASSA INTEGRAZIONE ALITALIA: TANTI NODI DA SCIOGLIERE

Il giorno 14 febbraio 2011 si è tenuta una riunione tra le OOSS e l'Inps su tematiche riguardanti i lavoratori Alitalia posti in cassa integrazione. Tra le varie tematiche che sono state affrontate una, di particolare importanza, è quella relativa agli effetti delle recenti modifiche legislative apportate in materia di previdenza. Le risposte fornite dall'Inps dicono che gli effetti della legge 122, del 30 luglio 2010, che ha introdotto le cosiddette finestre mobili, hanno una ricaduta diretta per i lavoratori ex Alitalia poiché essi non sono ancora interessati dalla mobilità. Pertanto a tutti questi lavoratori, allo stato attuale, sarà applicata la finestra di dodici mesi dal momento in cui verranno raggiunti i requisiti previdenziali a quando verrà erogata la pensione. Inoltre, per i lavoratori iscritti al Fondo Volo, ancora non risulta sciolto il nodo relativo alla maturazione del requisito anagrafico e retributivo ridotto (un anno ogni cinque anni di iscrizione al Fondo) nel periodo di 4 anni di cassa integrazione. In merito l'Inps ha ribadito che tale questione è sul tavolo del Ministero del Lavoro ma ancora priva di risposta. L'Inps ha più volte ribadito che, come ente, si limita all'applicazione delle norme. Sulla base di questo principio, non ha fornito alcuna risposta in merito al periodo di mancato preavviso perché non di sua competenza. Riguardo alle recenti sentenze di colleghe, a cui era stata interrotta la cassa integrazione al compimento del 55esimo anno di età, ci è stato risposto che alle stesse è stato ripristinato il pagamento ma che ciò non costituisce una regola, in quanto ogni lavoratrice dovrà rivendicare il diritto in sede giudiziaria. Anche la recente sentenza della Corte Europea in materia di interpretazione del part-time di tipo verticale non ha, per l'Inps, alcun valore. Non sono previste da parte dell'Inps procedure per alleggerire il conguaglio fiscale perché non è possibile elevare le aliquote su richiesta dei lavoratori, tantomeno emettere due CUD separati per effettuare il conguaglio con il modello 730 che prevede dilazioni di pagamento. E' stato raccomandato di informare i lavoratori di non richiedere detrazioni non previste poiché le stesse vengono poi recuperate con il conguaglio fiscale. Riguardo le contribuzioni figurative, sono in corso correzioni per gli importi di 13esima e 14esima che non erano stati conteggiati. Occorre una verifica da parte dei lavoratori. I lavoratori che avevano un contratto di tipo part-time possono svolgere una attività lavorativa nei periodi di non impiego. L'Inps ha informato che i dati forniti dall'amministrazione straordinaria non consentono di stabilire con esattezza quali siano questi periodi, pertanto la stessa Inps suggerisce ai lavoratori interessati di fornire copia del contratto di lavoro originale che contiene queste indicazioni. Il lavoratore in CIGS continua a maturare il TFR che dovrebbe essere versato dall'azienda (Alitalia in AS) sul fondo di tesoreria dell'Inps, in caso di nessuna iscrizione a previdenza integrativa, oppure, in caso contrario, sul fondo a cui risulti iscritto il lavoratore. E' stato ribadito che la DID e il Patto di Servizio sono istituti diversi e devono essere entrambi soddisfatti. La circolare 73 del 2008 dell'Inps prevede che i piloti ed assistenti di volo, su richiesta dell'istituto, debbano autocertificare trimestralmente di non svolgere attività lavorativa. Le organizzazioni sindacali hanno sollevato obiezioni sulla opportunità di applicazione di tali controlli solo a particolari categorie di lavoratori. Al momento sono in corso verifiche da parte dell'Istituto con Enac, e a breve saranno fornite informazioni in merito. La FIT Cisl si è prontamente attivata con il Ministero del Lavoro per l'apertura di un tavolo di confronto sulle molteplici problematiche rimaste irrisolte. Vi terremo informati.