Archivio documenti

07.03.2011
Vertenza Alitalia: raggiunta l’intesa
Documento

Si è conclusa oggi con l'accordo unitario la lunga trattativa Alitalia. La stessa aperta all'inizio di Dicembre riguardava i piani di razionalizzazione ed efficientamento presentati dall'azienda.

L'accordo unitario fissa i perimetri dei progetti aziendali che riguardano tutte le categorie personale di terra piloti e assistenti di volo; gli effetti di tali processi determineranno uscite esclusivamente volontarie fino ad un massimo di 700 addetti di tutte le categorie sul territorio nazionale. Le uscite volontarie non possono determinare effetti negativi su qualità e quantità di tutti i segmenti ed attività produttive in azienda. A questo riguardo si è costituita una "Commissione paritetica di monitoraggio" che seguirà l'intero percorso dei progetti e delle uscite volontarie al fine di verificare necessità di organico per non inficiare il processo produttivo in caso di accoglimento della richiesta di uscita in cigs; è stato inoltre condiviso un progetto di internalizzazione dell'attività della logistica manutenzione.

Definito un impegno comune al fine di condividere progetti formativi e di riqualificazione per il personale in proveniente da AZ in A.S. in cigs anche attraverso il finanziamento del FSTA presso INPS Sicurezza lavoro: sul DLGS 81 da aprile si apre un tavolo di confronto per tutte le categorie Stabilizzazioni di personale di terra con anzianità di primo contratto fino a tutto il 2004 (e precedenti) su tutto il territorio nazionale. In aggiunta avvio delle conferme di personale ex CTI di Alitalia in AS ed oggi impiegati con ctd in Alitalia-CAI (ground; call center; manutenzione).

L.247: definito accordo come da CCNL Trasporto Aereo. Dal primo aprile a regime 44 mesi. Dalla stessa data richiamo in servizio dei ctd che avevano raggiunto la soglia dei 30/36 mesi.

Viene istituito l' "Osservatorio nazionale sul contenzioso" che ha l'obiettivo di definire in sede di conciliazione il contenzioso stesso dando luogo ad ulteriori stabilizzazioni.

Per il personale navigante condiviso lo sblocco dei part time (partono i primi 550) con relativi ingressi dalla cigs a riempire le necessità di organico che ne derivano. Sblocco dei trasferimenti dalla periferia verso Roma.

Definito un impegno congiunto e l'attivazione verso il min lavoro per la ricerca di soluzioni al problema dei lavoratori in cigs da AZ in AS che non raggiungono il pensionamento al termine del periodo degli ammortizzatori sociali.

Raggiunta una intesa su una serie di soluzioni su tematiche delle tre categorie che avevano dato origine a vertenze. Per i temi ancora non risolti sono calendarizzati tavoli di confronto.

Un accordo importante che segna una discontinuità relazionale con l'azienda; recupera il rapporto unitario; coniuga nel giusto equilibrio, le esigenze aziendali con quelle di lavoratrici e lavoratori sia attivi che in Cigs.