Archivio documenti

23.01.2019
Interventi normativi incidenti sul Trasporto Pubblico Locale: Decreto Genova, Decreto fiscale e Legge di Bilancio 2019
Documento

Gli ultimi interventi normativi, che si sono avvicendati negli ultimi mesi del 2018, hanno introdotto una serie di misure, che hanno importanti riflessi sul trasporto pubblico locale, in materia di risorse destinate al settore. Di seguito un approfondimento delle misure più salienti.

Fondo Nazionale Tpl
(legge n. 145/2018 tabella n. 10 stato di previsione del Mit)

La legge di bilancio per l'anno 2019, non prevede interventi sulle risorse destinate al fondo nazionale Tpl. Tuttavia ricordiamo che, rispetto alla dotazione iniziale del Fondo, riconosciuta dal DL. n. 50/2017, per un importo di 4.932,6 milioni di euro al netto delle risorse destinate al finanziamento per le attività dell'Osservatorio nazionale Tpl, subisce nel 2019 una decurtazione di 58 milioni di euro per effetto della legge di bilancio 2018 (l.205/2017 tabella n.10), attestando l'ammontare del Fondo a 4.876,5 milioni di euro.

Nota: anche in questa occasione, non è stata accolta dal legislatore la proposta di adeguamento al tasso di inflazione programmata delle risorse del Fondo nazionale Tpl, sancita nel verbale di accordo sottoscritto con il Ministero dei Trasporti il 12 giugno 2017 e più volte avanzata dalle Organizzazioni Sindacali.


Accantonamento voci di spesa temporaneamente indisponibili

(art.1 commi 117-1120 legge n. 145/2018)

La legge di bilancio ha previsto un accantonamento di 300 milioni di euro, a valere sul programma di spesa "Sviluppo e sicurezza della mobilità locale", temporaneamente indisponibile sia in termini di competenza che di cassa, sino agli esiti del monitoraggio degli andamenti tendenziali di finanza pubblica, da effettuare entro il mese di luglio 2019.
Tale accantonamento è effettuato a valere sulla dotazione del capitolo di spesa relativo al Fondo nazionale Tpl per le Regioni a Statuto ordinario.
In caso di esito positivo del monitoraggio, in coerenza con gli obiettivi di finanza pubblica per il 2019, le risorse diventerebbero disponibili per lo stesso anno di riferimento. In caso di esito negativo del monitoraggio le risorse potrebbero essere riconfermate oppure ridotte con inevitabili effetti negativi sulla dotazione del Fondo nazionale Tpl.

Risorse indennità di malattia autoferrotranvieri
(art 5 commi 1 e 2 della l. n.130/2018 di conversione del DL n. 109/2018; art. 23 comma 1 Dl. n. 119/2018; legge n. 145/2018 tabella n. 10 stato di previsione del Mit)

Le risorse in questione (introdotte dall'art. 1, comma 273, della l. n. 266/2005 - legge finanziaria 2006), erano destinate al rimborso degli oneri sostenuti dalle aziende di trasporto pubblico locale per le indennità di malattia dei lavoratori del settore. Tali risorse ammontavano a circa 55 milioni di euro annui e venivano individuate nei residui della autorizzazione di spesa destinata al rimborso degli oneri per i rinnovi contrattuali pregressi del CCNL autoferrotranvieri nelle regioni a statuto speciale (ex art. 1, comma 1230, della legge n. 296/2006). Attraverso decreto del Ministero dei trasporti, ogni anno si individuavano e assegnavano le risorse rispetto al fabbisogno delle aziende: a titolo esemplificativo con decreto del 31 gennaio 2018 il Mit autorizzava la spesa per un importo quantificato in 53 milioni di euro utile a soddisfare il fabbisogno del 2012.
Gli ultimi interventi normativi hanno apportato delle forti riduzioni sull' autorizzazione di spesa destinata al rimborso degli oneri per i rinnovi contrattuali pregressi del CCNL autoferrotranvieri nelle regioni a statuto speciale, incidendo indirettamente sui rimborsi per gli oneri delle indennità di malattia. Una prima riduzione, pari a 500.000 euro per la competenza 2018 e di 23 milioni di euro per la competenza 2019, è stata apportata per sostenere il Tpl di Genova e della Liguria, con il Decreto Genova (art. 5 commi 1 e 2 della l.n.130/2018 di conversione del DL n. 109/2018).

Il decreto fiscale (art. 23 comma 1 Dl. n. 119/2018), nel rifinanziare alcune agevolazioni fiscali per l'autotrasporto merci, ha individuato la relativa copertura, attraverso una riduzione pari a 10,4 milioni di euro nel 2018, della autorizzazione di spesa destinato al rimborso degli oneri per i rinnovi contrattuali pregressi del CCNL autoferrotranvieri nelle regioni a statuto speciale (ex art. 1, comma 1230, della legge n. 296/2006), incidendo quindi anche sul rimborso degli oneri per le indennità di malattia dei dipendenti delle Aziende di Tpl, per gli stessi motivi di cui sopra.

Infine, la legge di bilancio per il 2019 (legge n. 145/2018 tabella n. 10 stato di previsione del Mit) ha introdotto un ulteriore taglio delle risorse per 27,4 milioni circa nel 2019, e per 50 milioni di euro circa a decorrere dal 2020, che andranno ad incidere sempre sulla voce di spesa destinata al rimborso degli oneri per i rinnovi contrattuali pregressi del CCNL autoferrotranvieri nelle regioni a statuto speciale incidendo quindi, anche tale riduzione, sul rimborso degli oneri per le indennità di malattia dei dipendenti delle Aziende di Tpl

Fondo rinnovo parco autobus
(legge n. 145/2018 tabella n. 10 stato di previsione del Mit)

Le risorse destinate al fondo in questione sono riconfermate in misura pari a 750 milioni di euro per il triennio 2019-2021.

Nota: fondo reso strutturale dall'art. 1, comma 613 della l. n. 232/2016.

Rimborso accise sul gasolio
(art. 1, comma 57-58 legge n. 145/2018)

La legge di bilancio 2019 riconosce testualmente l'abrogazione dell'art. 1, co. 234 della L. n. 190/2014, che rinviava al 2019 gli effetti del taglio del 15% del credito d'imposta (DPCM 20 febbraio 2014 di attuazione dell'art. 1, co. 577-580 della L. 27 dicembre 2013, n. 147) spettante, ai fini del rimborso dell'accisa sul gasolio, alle imprese esercenti servizi di trasporto pubblico di persone con autobus e di trasporto merci.

IL TUO CONTRATTO
  • 24.01.2018
    Agens sottoscrizione CCNL Autoferrotranvieri Internavigatori: verbale d’incontro
  • 26.04.2016
    Verbale 26 aprile 2016 di chiarimento ed integrazione CCNL 28 novembre 2015