Archivio ultime dalla FIT

07.01.2019
Autotrasporto merci-logistica
Camionista cadavere nel Tir: Diamante, ennesima morte bianca

"Il decesso del camionista polacco è l'ennesima morte bianca, dovuta in questo caso alle condizioni inumane in cui sono costretti questi lavoratori", così dichiara Maurizio Diamante, Segretario nazionale della Fit-Cisl, in merito al camionista polacco 50enne trovato morto nel suo mezzo a Termoli, presumibilmente, a causa delle esalazioni del fornello da campo che usava per cucinare.

"Nel 2019 ancora tolleriamo - prosegue Diamante - che gli autisti di camion dormano e mangiano nel loro mezzo all'interno delle piazzole di sosta. Si può immaginare facilmente che questi lavoratori non si riposino affatto e quindi si mettano al volante stanchi, con conseguenti rischi per loro stessi e per gli altri utenti della strada. Chiediamo più controlli da parte delle autorità competenti per verificare le condizioni di sicurezza in cui operano questi lavoratori e sanzionare, se necessario, comportamenti non conformi alle norme.

Inoltre intendiamo incontrare le associazioni datoriali per trovare una soluzione a questo problema diffuso.

Conclude il Segretario nazionale: "Abbiamo fatto bene inoltre a dire no, assieme a Etf, la Federazione europea dei lavoratori dei trasporti a cui aderiamo, al pacchetto Mobilità, che deve essere approvato entro gennaio dal Parlamento europeo e che aumenta i tempi di guida e diminuisce quelli di riposo non solo dei camionisti, ma anche degli autisti di autobus a lunga percorrenza.
Contro questo provvedimento e per chiedere migliori condizioni di lavoro per tali lavoratori, abbiamo indetto uno sciopero unitario di 24 ore per lunedì prossimo e abbiamo in mente ulteriori azioni di protesta".