Fondo solidarierà Trasporto Aereo

23.09.2016
Comitato Fondo Solidarietà Trasporto Aereo-Riunione del 22 settembre

Fondo di Solidarietà Trasporto Aereo
Riunione del 22 settembre
In data 22 settembre, si è svolta la riunione del Comitato Amministratore del Fondo di Solidarietà precedentemente convocato dal Presidente e dalla Segreteria degli Organi Collegiali dell'istituto INPS, sui temi inerenti le comunicazioni, il bilancio consuntivo e delibere di erogabilità (mobilità, solidarietà e Cigs).
Il Presidente, in merito al quesito evidenziato dal Comitato nella riunione del 1° settembre, che prevedeva di procedere per le integrazioni dell'indennità di mobilità con l'adozione di delibere semestrali, così da frazionare nel tempo gli impegni di spesa, a fronte di un'unica domanda, si è soffermato sulla comunicazione del Dr. Luca Sabatini, responsabile della Direzione INPS Prestazioni a Sostegno del Reddito, che ha fatto pervenire ai consiglieri del Fondo la nota con le dovute osservazioni di merito.
La proposta del Comitato sottoposta all'attenzione del Ministero del Lavoro presso la Direzione Generale Ammortizzatori Sociali dello stesso Ministero, è stata ritenuta inapplicabile alla luce dell'attuale quadro normativo.
Il quesito secondo il Direttore, è riconducibile alle norme del decreto interministeriale del 7 aprile 2016, che stabilisce l'ordine di priorità da rispettare nel caso in cui le disponibilità non risultino sufficienti a soddisfare contemporaneamente tutte le richieste pervenute. Secondo questo principio, l'introduzione di un frazionamento delle delibere di autorizzazione ulteriore rispetto a quello già previsto dal Decreto istitutivo del Fondo, richiederebbe una modifica del decreto istitutivo.
Nelle motivazioni si legge che inevitabilmente si andrebbero ad impegnare le somme non accantonate per autorizzare l'intero periodo di una domanda con diritto di precedenza in favore di nuovi trattamenti, con il rischio che, in caso di carenza di disponibilità del Fondo, ci si troverebbe nella materiale impossibilità di concedere la prosecuzione del trattamento rispetto ad istanze con diritto di precedenza alla scadenza del semestre.
Il Presidente e i Consiglieri intervenuti, hanno contestato l'interpretazione troppo stringente della norma, in quanto, con questa disposizione e i vincoli di contabilità operati dall'Istituto INPS in merito alla gestione dell'esercizio di bilancio, si impedisce al Comitato di svolgere concretamente le proprie funzioni.
L'osservazione del Comitato, sul tema richiamato, in relazione alle modalità attuative per la liquidazione dei trattamenti di mobilità utilizzati dalla precedente gestione "FSTA" secondo le disposizioni legislative, si basavano anche sul periodo di tempo autorizzato nel Decreto Ministeriale che prevedeva esclusivamente periodi trimestrali. Tale modus operandi, permetteva di tenere sotto controllo le movimentazioni di spesa effettuate nel corso dei dodici mesi e in considerazione delle entrate economiche affluenti al Fondo, favoriva l'autorizzazione/approvazione delle integrazioni economiche per le altre prestazioni disciplinate dal regolamento.
L'applicazione rigida di questa norma, consente di riconoscere i trattamenti economici per le domande di mobilità per l'intero periodo di durata la mobilità ordinaria, a differenza delle altre prestazioni che non potranno mai essere autorizzate per un periodo superiore a dodici mesi, ma comporta un impegnodi spesa che dovrà essere riportata nei bilanci degli anni successivi secondo i principi di contabilità
dell'istituto INPS che non tiene in considerazione la differenza tra la spesa autorizzata in delibera e
quella realmente utilizzata.
Questa modalità di contabilità contestata dal Comitato, comporta la impossibilità nel breve periodo di
recuperare parti di somme economiche non utilizzate dalle aziende del settore e non permette di
avere liquidità di cassa contabilizzata in bilancio, liquidità che sarebbe necessaria per sostenere altre
prestazioni disciplinate dal regolamento e dalle norme legislative.
Il Comitato Amministratore del Fondo ha comunque ritenuto in ragione delle molteplici osservazioni
rilevate, rinviare l'approvazione del rendiconto di bilancio dell'esercizio del 2015 e approvare le
delibere di integrazione al reddito delle domande di mobilità per l'intero periodo, per un importo
complessivo pari a circa 155 milioni di euro, approvare le delibere delle domande di Cigs e le domande
dei contratti di Solidarietà per un importo pari a circa 32 milioni di euro, per un totale complessivo di
186.409.396,69 euro.
Sono previsti in fase di istruttoria, ripristini di domande di mobilità intese come nuove richieste fino al
5 giugno 2016, ripristini di domande di Cigs denominate nuove richieste fino al 5 giugno e 22
settembre 2016, per un importo di spesa pari a 23.371.710,70 euro, delibere che saranno portate
all'approvazione della prossima riunione del Comitato.
In questa riunione, in termini di priorità, è stato possibile sostenere il tema delle prestazioni del
biennio aggiuntivo, il Comitato, in ragione delle disposizioni del regolamento e degli accordi sottoscritti
tra le fonti istitutive e le istituzioni, nonchè al fine di rispondere alle esigenze di quei lavoratori che
risultano essere privi di reddito, ha intenzionalmente voluto impegnare il Presidente e le direzioni
dell'istituto INPS a programmare una riunione urgente per gli approfondimenti di merito necessari per
arrivare all'autorizzazione e all'approvazione delle delibere auspicabilmente in tempi brevi.
La riunione rivendicata dal Comitato è stata pianificata per il 12 ottobre presso la sede dell'istituto
INPS a Roma.
Sarà cura del Dipartimento informarvi dell'evoluzione del confronto.
Si allega alla presente, lista delle delibere approvate dal Comitato.
DIPARTIMENTO TRASPORTO AEREO