Domenica 04 Dicembre 2022 - 09:31

Ripartizione Trenitalia DBAV -IC. L’unica costante è la carenza di personale ai treni

Documenti

Documenti / Ripartizione Trenitalia DBAV -IC. L’unica costante è la carenza di personale ai treni
Documenti - Ripartizione Trenitalia DBAV -IC. L’unica costante è la carenza di personale ai treni

16 Novembre 2022

La stretta normativa sui turni con l’eccessiva saturazione dell’orario di lavoro, rappresenta il solo concreto maggior apporto di lavoro per un’offerta commerciale che si attesta ad un valore quasi identico a quella della scorsa estate, ad eccezione dell’incremento di qualche coppia di treni sulla dorsale tirrenica e sulla Milano -Venezia e di un imprecisato e confuso rafforzamento periodico dei treni Duplex per quanto riguarda il prodotto AV insieme ad una ripartenza a pieno regime del servizio internazionale sul prodotto IC.
L’indecifrabile lettura dei volumi contenuti nell’informativa fornita è l’evidente volontà aziendale di provare a nascondere i dati reali degli addetti utilizzati ai treni ed anche la reale produzione sviluppata sui territori in termini di effettivo fabbisogno. Per questo motivo è stato richiesto di fornirci il grafico di ripartizione dei servizi Venerdì/domenica del prodotto AV e quello relativo alle importanti interruzioni per lavoro ammodernamento rete del periodo Marzo/Agosto che impatterà sul servizio IC.
Partendo dai turni, non c’è corrispondenza tra il dato delle consistenze e quello degli organici. Non è dato sapere quanti macchinisti e capitreno sono davvero disponibili ed impiegati ai treni ed è diventato un enigma conoscere quante e dove sono state fatte le corpose, a detta dell’azienda, assunzioni del 2022, così come rimane un dato non fruibile il numero complessivo di uscite per quiescenza nel futuro prossimo, per permettere una valutazione realistica ed accurata sul numero degli apporti necessari.
Abbiamo ribadito con forza che sui territori migliorino concretamente gli aspetti sollevati dalle RSU e dalle segreterie regionali negli ultimi incontri tecnici effettuati, superando la logica delle modifiche “a costo zero”. Esiste l’urgenza di aprire un confronto sul dato degli organici su tutto il Personale degli equipaggi Trenitalia, anche al fine di garantire una congrua quota ferie giornaliera da assegnare al personale, comprensiva delle giornate relative al sabato e dalla domenica.
Oltre a quanto sopra, è necessario garantire al personale il rispetto della programmazione individuale dei servizi ed è stato chiesto alla Dirigenza Aziendale, a più riprese, che si lavori per contrastare il fenomeno dilagante della modifica del turno individuale da parte della gestione operativa, indotta anche dalle sistematiche carenze d’organico e vissuta con enorme disappunto da parte del personale equipaggi di tutte le Direzioni di Business, soprattutto dagli apprendisti.
Per quanto riguarda nello specifico il segmento IC, come sindacato abbiamo evidenziato anomalie nella durata di alcune riserve sia notturne che diurne e richiamato la Dirigenza al rispetto del modulo di equipaggi previsto contrattualmente, la cui riduzione non può rappresentare in alcun modo una soluzione per gestire carenze di organico. A tal proposito l’azienda ha fornito opportune rassicurazioni e confermato che procederà da subito alla correzione dei turni contestati, riportando le riserve notturne a 7h e quelle diurne a 8h e 30m Attenzione massima è stata data al tema della logistica, della reale fruibilità delle refezioni, sul decoro delle sale sosta e la qualità delle strutture assegnate agli RFR, all’eccessivo ricorso a servizi di traghettamento e tempi complementari che saturano e peggiorano il nastro giornaliero dei servizi dei macchinisti, nonché della qualità dei servizi comandati con riposo fuori residenza, oramai graficati al limite della prestazione contrattualmente definita.
Purtroppo, abbiamo ancora dovuto constatare che su temi quali l’eccessiva saturazione dei turni, e la garanzia della fruibilità del pasto l’Azienda continua a non rispettare l’impegni presi nel verbale del Marzo 2022.
A margine del confronto è stato chiesto alla Società di chiarire e sanare l’incomprensibile disomogeneità emersa tra le diverse Unità di Business nella fornitura delle divise.
Il confronto con l’azienda continuerà il 22 novembre.
Roma, 16novembre 2022

Le Segreterie Nazionali

Login

Effettua il login con le tue credenziali per accedere a tutti i contenuti pubblicati sul sito.
Hai dimenticato la password?

Newsletter

Inserisci i tuoi dati per iscriverti alla newsletter di FIT-CISL.

Chi siamo e cosa facciamo dei tuoi dati personali? Il Titolare del trattamento e' FIT CISL, con sede in Via Antonio Musa, 4, 00161 Roma (RM), tutela la riservatezza dei tuoi dati personali e garantisce ad essi la protezione necessaria da ogni evento che possa metterli a rischio di violazione. Il Titolare ha nominato un Data Protection Officer (DPO) che puoi contattare se hai domande sulle policy e le prassi adottate. I dati di contatto del responsabile della protezione dei dati sono i seguenti: Protection Trade S.r.l. via G. Morandi 22 Itri 04022 Itri (LT), mail [email protected]