Archivio documenti

15.10.2020
Prosegue il confronto con le Società del Polo Mercitalia Confermate le Procedure di Raffreddamento
Comunicato

Come convenuto in occasione dell'incontro nazionale con il Polo Mercitalia del 9 settembre u.s., nell'ambito del percorso condiviso con la calendarizzazione di diversi incontri per le diverse Società, è ripreso nella giornata di ieri il confronto specifico con la Società Mercitalia Rail.

La Società ha realizzato una presentazione con un focus specifico su MIR, evidenziando nello specifico gli attuali scenari macro-economici e dei flussi di mercato, l'impatto complessivo dell'emergenza sanitaria sul business di MIR come conseguenza degli effetti che hanno condizionato i diversi settori produttivi. Ha poi illustrato la situazione di MIR e le principali azioni messe in atto nel periodo marzo - settembre in ambito commerciale e operativo, per mitigarne le ricadute negative, seguita da una prima illustrazione di come la stessa Società intende evolvere le propria struttura macro-organizzativa per far fronte all'andamento del mercato, ai competitors e alla variabilità delle richieste di mercato, gestite principalmente in operativo con effettuazione di straordinari, e agli eventi di interruzione di linee operate dal gestore dell'infrastruttura. Tali eventi hanno impattato sulla produzione di MIR nel periodo giugno-settembre 2020 con modifiche di orario che hanno interessato circa il 32% dei treni circolati, condizionando il 40 - 50% degli allacciamenti programmati dei turni del Personale Mobile nonché le attività di terra.

Il progetto aziendale tende a avere una Direzione Operativa che relativamente alla programmazione delle risorse e alla circolazione, si strutturerebbe su:

• Sala Operativa Nazionale Internazionale: come unica cabina di regia della circolazione dei treni e delle locomotive rispettivamente allocate a Milano e Verona, con un coordinamento dei banchi trasporto/locomotive di Genova, Bologna, Cervignano, Livorno, Marcianise e Bari in remoto;
• Programmazione Operativa Produzione: come struttura proposta all'assegnazione degli allacciamenti ai diversi Presidi di Condotta e di Coordinamento e Controllo a livello nazionale dell'utilizzo del personale Tecnico Polifunzionale.
• Back Office Nazionale: una unica struttura gestita dalla SONI in cui confluiranno con postazioni in remoto gli attuali Back Office territoriali con garanzia di produzione dei documenti di scorta treno nell'arco delle 24 ore per l'intera rete nazionale.
• Presenziamento del territorio con la previsione di:
◦ 3 Aree di Produzione:
▪ Occidentale: con struttura del 303 a Milano e coordinamento degli impianti di Genova, Torino e Livorno in remoto;
▪ Orientale: con struttura del 303 a Verona e coordinamento di Cervignano e Bologna in remoto;
▪ Sud: con struttura del 303 a Marcianise e coordinamento di Bari in remoto;
◦ 9 Impianti Territoriali: Bari, Bologna, Livorno, Torino, Marcianise, Cervignano, Genova, Verona e Milano;
◦ 2 Presidi di Produzione: Sicilia e Modane.

Come FIT CISL in merito a quanto illustrato dalla Società, abbiamo chiesto un ulteriore approfondimento per una verifica nazionale e specificatamente con le strutture regionali per il livello di competenza territoriale, che possa analizzare le ricadute nei territori e sul personale derivanti dalla riorganizzazione annunciata, anche con l'intento di potenziare e rendere effettivamente funzionali con gli adeguati presenziamenti le strutture di riferimento, al fine di garantire l'espletamento, il costante monitoraggio delle attività previste, coerenti con l'area geografica di giurisdizione delle attività, del Personale Mobile e di Terra da gestire.

Pur comprendendo gli aspetti legati al fattore mercato e concorrenza, abbiamo ribadito la nostra contrarietà ad anomale e incompiute sinergie che invece continuano ad essere caratterizzate da doppioni di attività lavorative disimpegnate dalle varie aziende, da eccessive ridondanze e da costi di struttura che appunto non sono più compatibili con un mercato aperto e fortemente concorrenziale, che nell'ambito del Polo Mir si traduce con sovrapposizioni di attività lavorative tra la stessa Mercitalia Rail e l'operatività della sede italiana di TX Logistik.

Abbiamo in tale contesto ribadito la necessità di prevedere apporti di personale con assunzioni mirate, poiché la criticità della carenza di organico risulta essere comune a tutti i territori e alla base delle numerose problematiche che stanno interessando da tempo l'organizzazione del lavoro, elemento che interessa trasversalmente tutte le strutture/unità produttive e le diverse figure professionali, con maggior impatto registrato sugli organici del Personale Tecnico Polifunzionale sui cui da anni grava anche l'annosa problematica relativa alle idoneità parziali e/o residue di questa figura professionale. Tutti aspetti che influenzano e penalizzano le attività di terra, con inevitabili ricadute che interessano la copertura dei turni e le diverse fasi di realizzazione del prodotto treno, che la Società tende a fronteggiare con l'applicazione di continue economie ai turni di lavoro e con un aumento delle Prestazioni Accessorie ai Treni (PAT). A tal proposito abbiamo richiesto, altresì, che si attui un percorso di crescita professionale all'interno delle società del Polo Mercitalia avendo a riferimento anche il personale presente nelle diverse società per la copertura delle carenze di organico (MIR-MIST), specie all'esercizio.

Abbiamo, inoltre, evidenziato le problematiche persistenti sulla corretta liquidazione delle competenze accessorie, con criticità relative specialmente al pagamento delle flessibilità contrattuali e di quelle definite o introdotte con l'accordo del 20 luglio 2017 e definite con Disposizione applicativa Personale Mobile MIR CCNL 2016 del 27.07.2018, nonché le anomalie che si registrano anche sulla corretta liquidazione dell'indennità di cui all'articolo 36 p. 9 del Contratto Aziendale relativa alle prestazioni accessorie (PAT) previste dall'accordo del 29 marzo 2012.

La Società MIR ha espresso la propria disponibilità all'avvio di un percorso condiviso con successivi incontri che saranno effettuati per gli approfondimenti e la verifica del progetto riorganizzativo presentato, con contestuale coinvolgimento delle strutture regionali competenti, anche sui diversi temi posti ed evidenziati dal sindacato. In tale ambito si inserisce anche la ripresa a breve degli incontri del Comitato Aziendale Nazionale Covid-19, considerata la necessità di continuare a monitorare tutte le criticità segnalate dal personale, con particolare rifermento agli aspetti di contrasto registrati con la Società, inerenti la sanificazione e l'igienizzazione delle cabine di guida delle locomotive e degli ambienti di lavoro.

Al termine della riunione abbiamo confermato di voler proseguire il confronto con le procedure di raffreddamento con tutte le società del Polo Mercitalia, attivate alla fine del mese di luglio u.s e il tutto sarà definito con apposito verbale con la struttura del Polo.

Roma, 15.10.2020

La Segreteria Nazionale