Martedì 24 Maggio 2022 - 20:43

La Voce dei Trasporti

La Voce dei Trasporti

La Voce dei Trasporti
FIT Comunica / La Voce dei Trasporti
FIT Comunica - La Voce dei Trasporti

La FIT nel corso degli anni ha pubblicato diversi periodici rivolti ai suoi iscritti.
È possibile leggerli e scaricarli dai link sottostanti, effettuando il login al sito.

N°3
11 Maggio 2022
Leggi Anteprima

La Voce dei Trasporti

Marzo 2022

Crescere con trasporto per essere protagonisti nel futuro del lavoro che cambia.

Il percorso congressuale della nostra Federazione e della Confederazione è ormai al primo giro di boa. Partito dai posti di lavoro lo scorso anno, attraversate le assemblee dei Presidi territoriali, è arrivato alla fase dei Congressi regionali e si concluderà con il Congresso nazionale della Fit-Cisl il 7 aprile 2022 e con il Congresso nazionale della Cisl il 28 maggio 2022. Un momento, quello congressuale, essenziale della vita democratica della Cisl e di tutte le sue Federazioni. Ci siamo arrivati con tesi che non sono dogmatiche ma che, costituendo uno spunto da cui far germogliare idee originali, sono aperte al contributo e al dibattito non solo per tracciare un bilancio di quanto si è fatto finora ma anche per individuare gli obiettivi politici e organizzativi per il lavoro da svolgere nel corso del prossimo mandato…

N°2
16 Marzo 2022
Leggi Anteprima

La Voce dei Trasporti

Febbraio 2022

Il Covid segna il passo ma la guerra in Ucraina lacera il cuore dell’Europa

La notizia che tutti stavamo aspettando da tanto tempo è arrivata: il 31 marzo 2022 cesserà lo stato di emergenza nazionale e si tornerà a una normalità pre-pandemia da Covid. Nonostante la buona nuova, le sensazioni di benessere che la notizia ha prodotto in ciascuno di noi sono durate solo qualche giorno. E questo perché la tensione che da tempo si era creata fra Russia e Ucraina si è trasformata in guerra e l’Ucraina è stata attaccata su tre fronti: attraverso il Donbass a est, la Crimea a sud e la Bielorussia a nord.
Una guerra che lacera il cuore dell’Europa e che, attraverso le comunicazioni del Presidente del Consiglio del 1° marzo 2022 al Senato, riporta la nostra memoria a fatti che abbiamo studiato sui libri di storia e che ci sono stati raccontati da chi la seconda guerra mondiale l’ha vissuta ininterrottamente dal 1° settembre 1939 all’8 maggio 1945…

N°1
2 Febbraio 2022
Leggi Anteprima

La Voce dei Trasporti

Gennaio 2022

Tornare a vivere

Nonostante il virus, il rischio inflattivo e le gravi turbolenze internazionali, dobbiamo e vogliamo moltiplicare il nostro impegno

Voglio dirlo in premessa: allo stato attuale l’inflazione mi crea più pensieri del virus. Secondo l’Istat l’indice nazionale dei prezzi al consumo è aumentato del 3,9% su base annua e, entro la primavera, si ipotizza un possibile raddoppio del tasso di inflazione.

Stiamo prendendo atto che il Sars-Cov-2 muta e nel farlo tende a diluirsi e a endemizzarsi, ma resta sempre insidioso. Stiamo dicendo da mesi che dobbiamo imparare a conviverci senza eccessi di ansia o puerili facilonerie. Tuttavia si tratta di una convivenza difficile perché il pericolo del contagio è sempre in agguato…

N°Novembre-Dicembre
16 Dicembre 2021
Leggi Anteprima

La Voce dei Trasporti

11-12 2021

Verso le nuove priorità sociali

Anche nel 2022 noi saremo in prima linea contro le morti bianche e la violenza sulle donne. Lavoreremo ai rinnovi contrattuali e al Piano dei Trasporti

Se il 2020 è stato l’anno della pandemia, dell’emergenza e del disastro economico-sociale, il 2021 è stato l’anno in cui, con l’arrivo del vaccino, si è incominciata a ipotizzare un’inversione di tendenza e abbiamo imparato a convivere, seppur forzatamente, con il virus, con le sue mutazioni, con i richiami vaccinali, apprezzando anche i primi timidi segnali di ripresa economica.

Un anno in cui abbiamo subito un altro lockdown, seguito da aperture via via sempre più ampie sia grazie al rispetto di tutte regole atte a contrastare la diffusione del virus sia perché con la somministrazione del vaccino la curva dei contagi si è abbassata significativamente. Un anno in cui, ancora una volta, giocoforza, la pandemia è stata al centro del dibattito pubblico, soprattutto per le azioni che il Governo ha messo in campo per incentivare la campagna vaccinale. Un anno in cui tutti gli attori statuali e sovranazionali hanno cercato di dare risposte di stimolo finanziario alla crisi economica innescata dal Covid-19…

N°10
19 Novembre 2021
Leggi Anteprima

La Voce dei Trasporti

Ottobre 2021

Il caro prezzi può mettere seriamente a rischio la ripresa

Tra le tante cause degli aumenti c’è anche la carenza di autisti: occorrono in Italia politiche fiscali per incentivare i giovani a scegliere questo lavoro

Gli effetti del rincaro generalizzato delle materie prime e di tutte quelle commodity che stanno registrando un impetuoso aumento della domanda sono ormai percepiti anche – come era di moda dire qualche anno fa – dalla massaia di Voghera. I prezzi delle bollette di luce, gas e carburanti stanno raggiungendo nuovi record; quelli al consumo e il carrello della spesa ne seguono la dinamica e già mostrano le prime conseguenze.

Certamente la prima causa è da ascrivere al Covid-19 che ha portato a una inevitabile riduzione dei ritmi di produzione con un aumento dei costi fissi. Con la ripartenza, dovuta al benefico effetto della campagna vaccinale, il forte aumento nella domanda di Cina e Stati Uniti ha aperto la porta alla speculazione, nella quale certamente non sono prive di effetto le scelte politiche e strategiche fatte da alcuni Stati, come dimostra il caso Russia-metano. Il gas naturale è passato infatti dai 1.22 dollari per MMBtu (British Thermal Unit, circa 28 m3) del maggio 2020 ai 25.81 dollari dello scorso mese; sono questi valori abnormi e insostenibili nel medio periodo che mettono a serio rischio la ripresa economica dalla tragedia pandemica…

N°9
15 Novembre 2021
Leggi Anteprima

La Voce dei Trasporti

Settembre 2021

Il sindacato al tempo della pandemia

È necessario un Patto sociale per il Paese affinché gli interessi collettivi prevalgano su quelli particolari e di pochi soggetti

Settembre si è rivelato un mese decisamente “vivace” oltreché impegnativo sul fronte sindacale dei trasporti. Un apparente rallentamento della campagna di vaccinazione, la crisi Alitalia e la annunciata partenza della nuova società Ita Airways, la vertenza Amazon e la sempre più vicina scadenza – al 31 ottobre 2021 – del blocco dei licenziamenti.

Sullo sfondo un percettibile e sempre più palpabile disagio sociale e un significativo malessere psico-emotivo delle persone dovuto sia al prolungarsi della pandemia sia ai negativi effetti economici che da essa sono derivati. A fronte di una così straordinaria e complessa situazione, che non investe solo il nostro Paese, le risorse del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza) sono una condizione necessaria ma non sufficiente per superare le difficoltà che stiamo vivendo. Nel mondo del lavoro ci sono tante, troppe, ferite ancora aperte che procurano instabilità e insicurezza nelle persone. Arrivati a questo punto le dietrologie sulle cause che hanno determinato questo stato di cose non sono più di grande utilità. Occorre voltare pagina e per farlo c’è bisogno di concreti e concludenti atti straordinari…

N°7-8
6 Settembre 2021
Leggi Anteprima

La Voce dei Trasporti

Luglio-Agosto 2021
C’è bisogno di fare un Patto nazionale dei trasporti

A metà del 2019, a fronte di una molteplicità di problemi che affliggevano l’intero sistema dei trasporti e che si presentavano critici sotto diversi punti di vista , anziché affrontare una ad una in modo tradizionale le singole questioni, abbiamo scelto di approcciarle in maniera sistemica e, con il documento “Rimettiamo in movimento il Paese elaborato insieme a filt e uiltrasporti, dopo avere analizzato le principali disfunzioni del sistema dei trasporti, non ci siamo limitati alla sola diagnosi ma abbiamo indicato e proposto anche le possibili cure…

N°6
4 Agosto 2021
Leggi Anteprima

La Voce dei Trasporti

Giugno 2021
Chi ben comincia è a metà dell’opera

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) da 191,5 miliardi di euro elaborato dal Governo italiano è stato approvato dalla Commissione europea il 22 giugno 2021 ricevendo, sugli undici capitoli esaminati, dieci “A” e una sola “B”. Secondo le previsioni, nel giro di poco più un mese dalla data di approvazione, dovrebbe essere erogata la prima rata pari al 13% e cioè circa 25 miliardi di euro. Successivamente, e fino al 2026, saranno stanziate le ulteriori nove rate. In realtà le risorse economiche che l’Italia avrà a disposizione saranno molte di più…

N°5
29 Giugno 2021
Leggi Anteprima

La Voce dei Trasporti

Maggio 2021
Convivendo con il virus

Da fine maggio 2021 si sono cominciati a leggere i primi dati confortanti che certificano un significativo contenimento della pandemia. Secondo il bollettino del ministero della Salute in Italia, nelle 24 ore precedenti il 31 maggio, si sono riscontrati 1.820 nuovi casi di Covid. Era dal 30 settembre 2020 che i contagiati non scendevano al di sotto delle 2.000 unità. Evidentemente il combinato disposto fra i comportamenti che ciascuno di noi adotta per contrastare la diffusione del contagio e l’effetto della somministrazione dei vaccini comincia a produrre buoni risultati. Questo non significa che siamo fuori pericolo, perché ci sono ancora intere aree del mondo in cui la situazione è ancora critica. In più c’è il fattore “Delta” e cioè una delle varianti del coronavirus la cui diffusione, secondo un rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità sui diversi ceppi di Sars-Cov-2 individuati nel territorio nazionale, continua a crescere…

N°4
14 Maggio 2021
Leggi Anteprima

La Voce dei Trasporti

Aprile 2021
Il Piano è tratto!

Per il secondo anno consecutivo la festa della Liberazione dal nazifascismo è stata celebrata sotto l’oppressione del virus Sars-Cov-2. L’auspicio di tutti è che il prossimo anniversario – sarà il 77esimo – possa coincidere con la prima festa della liberazione dal Covid-19. Intanto la pandemia continua a mietere vittime, anche nel nostro Paese, dove il numero dei morti, che sembra destinato ancora a crescere, ha superato quota 120mila. Dal «difficile momento che stiamo vivendo» ha preso le mosse il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel messaggio inviato il 25 aprile alle Associazioni combattentistiche e d’Arma. Il propagarsi del Covid-19 «limita le modalità di celebrazione» della Festa della libertà di tutti gli italiani. Ma questo non impedisce di percepire il valore della ricorrenza e il collegamento simbolico tra il nostro recente passato, un presente segnato dalla resistenza al Covid e un futuro prossimo che dovrà sancire una nuova liberazione. Mattarella esorta a «rimanere uniti in uno sforzo congiunto che ci permetta di rendere sempre più forti e riaffermare i valori e gli ideali che sono alla base del nostro vivere civile, quel filo conduttore che, dal Risorgimento alla Resistenza, ha portato alla rinascita dell’Italia»…

N°3
6 Aprile 2021
Leggi Anteprima

La Voce dei Trasporti

Marzo 2021
Tra il dire e il fare c’è di mezzo il vaccinare

La Pasqua 2021 sarà inevitabilmente tinta di rosso. Il colore che tutti ormai siamo abituati ad associare al livello di rischio Covid più alto, per le regioni o per singole province o comuni. Dal 3 al 5 aprile l’intero territorio nazionale sarà in fascia rossa e sarà quindi soggetto alle misure anti-contagio più rigide: una scelta governativa dolorosa ma giustificata dall’esigenza di evitare che i pranzi di Pasqua o le gite di Pasquetta favoriscano la diffusione del virus, già influenzata dalle famigerate varianti inglese, brasiliana e sudafricana. A partire dal 3 marzo il numero dei contagi giornalieri in Italia ha superato quasi quotidianamente quota 20mila. Dall’inizio del mese, sempre nel nostro Paese, il numero dei morti per Covid non è mai sceso sotto i 200 al giorno – il 16 marzo ha sfondato addirittura quota 500. Di questi tempi, un anno fa, l’Italia era appena piombata nell’incubo Covid: il 9 marzo 2020 l’allora presidente del Consiglio Giuseppe Conte annunciava il lockdown generale in tutto il Paese…

Login

Effettua il login con le tue credenziali per accedere a tutti i contenuti pubblicati sul sito.
Hai dimenticato la password?

Newsletter

Inserisci i tuoi dati per iscriverti alla newsletter di FIT-CISL.

Chi siamo e cosa facciamo dei tuoi dati personali? Il Titolare del trattamento e' FIT CISL, con sede in Via Antonio Musa, 4, 00161 Roma (RM), tutela la riservatezza dei tuoi dati personali e garantisce ad essi la protezione necessaria da ogni evento che possa metterli a rischio di violazione. Il Titolare ha nominato un Data Protection Officer (DPO) che puoi contattare se hai domande sulle policy e le prassi adottate. I dati di contatto del responsabile della protezione dei dati sono i seguenti: Protection Trade S.r.l. via G. Morandi 22 Itri 04022 Itri (LT), mail [email protected]