Archivio documenti

21.12.2018
INPS pubblica la procedura per ottenere l’esenzione della speranza di vita per gravosi, usuranti, notturni
Documento

L'Inps ha sbloccato la procedura per la presentazione delle richieste di dispensa dal prossimo scatto della speranza di vita nei confronti dei lavoratori addetti alle mansioni gravose, lavoratori usuranti e notturni. Le indicazioni sono contenute nel messaggio numero 4804/2018.

I lavoratori interessati devono presentare domanda di pensione tramite i consueti canali (Web, Contact Center o patronati) allegando la dichiarazione del datore di lavoro redatta sull'apposito modello AP116 (se lavoratore del settore privato o pubblico) o AP117 (se lavoratore domestico) reperibile sul sito istituzionale, al percorso: "Prestazioni e servizi" > "Tutti i moduli" > "Assicurato/pensionato" attestante:

  1. i periodi di svolgimento delle professioni considerate attività gravose di cui all'allegato A) del decreto 5 febbraio 2018 del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, emanato di concerto con il Ministero dell'Economia e delle finanze;
  2. il contratto di lavoro applicato;
  3. il livello di inquadramento attribuito;
  4. le mansioni svolte con i relativi codici professionali attribuiti, ove previsti, come individuati dall'allegato A) del citato decreto 5 febbraio 2018.

Qualora il datore di lavoro non possa rendere la dichiarazione per accertabile oggettiva impossibilità derivante dalla cessazione dell'attività, l'interessato è tenuto ad allegare alla domanda di pensione una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi dell'articolo 47 del decreto del Presidente della Repubblica n. 445/2000, attestante i periodi di svolgimento delle professioni c.d. gravose, il contratto di lavoro applicato, il livello di inquadramento attribuito e le mansioni svolte con i relativi codici professionali attribuiti, ove previsti.

I lavoratori usuranti o notturni devono, invece, produrre la documentazione di cui al D.lgs 21 aprile 2011, n. 67, ed al D.M. 20 settembre 2011, come modificato dal D.M. 20 settembre 2017, attestante lo svolgimento dell'attività particolarmente faticosa e pesante per il periodo indicato nell'articolo 1 commi 2 e 3 del citato decreto legislativo.

Il Dipartimento Politiche Sociali