Archivio ultime dalla FIT

04.05.2016
Servizi ambientali
Igiene ambiente: sindacati, lo sciopero nazionale del 30 maggio si estende a tutto il settore. Sì al contratto, no al lavoro come merce

"Lo sciopero del 30 maggio dei lavoratori e delle lavoratrici dell'igiene ambientale per 24 ore è esteso a tutto il settore. Ne danno notizia Fp-Cgil, Fit-Cisl, UilTrasporti e Fiadel.

Dopo la proclamazione dello sciopero nazionale, la scorsa settimana, per le aziende pubbliche del settore, la protesta si allarga e include anche le aziende private, interessando tutto il territorio nazionale e circa 100.000 addetti.

"Le ragioni della protesta sono tante - spiegano le quattro organizzazioni sindacali - all'irrazionale scelta di Utilitalia, che vuole delle norme contrattuali fortemente peggiorative al fine di ottenere risparmi solo sulle spalle dei lavoratori, rendendo il lavoro una merce (ma su questo avremo modo di spiegare ai Sindaci e all'Anci, con numeri alla mano, come far risparmiare i cittadini e migliorare la qualità del servizio senza calpestare i lavoratori) si è aggiunta anche la protesta con Fise/Assoambiente che, come Utilitalia, sul tema dei passaggi di appalto non vuole dare le giuste garanzie ai lavoratori affinché i diritti degli stessi non siano calpestati da un 'mercato' senza regole.Faremmo a meno di dare fastidio ai cittadini, ma questo sciopero è anche per loro: per migliorare il servizio reso e per provare a ridurne i costi complessivi".

"Chiederemo ai Sindaci - proseguono Fp-Cgil, Fit-Cisl UilTrasporti e Fiadel - lo sviluppo industriale del settore, il mantenimento del contratto unico come strumento per migliorare le condizioni di salute e la sicurezza sul lavoro (in questo settore, come ci racconta l'Inail, stanno aumentando pesantemente i lavoratori inidonei e gli incidenti gravi) e il contrasto alla logica delle gare al massimo ribasso attraverso i tagli al personale, ai salari, alle condizioni di sicurezza e alle tutele, che ogni cittadino dovrebbe vedersi garantite.

Abbiamo pronte le carte per raccontare le verità ai cittadini e ai Sindaci".