Archivio ultime dalla FIT

06.06.2019
Trasporto ferroviario e Servizi
Incontro con la Direzione Circolazione di Rfi

Nella mattinata odierna si è svolta la riunione tra le Segreterie Nazionali e la Direzione Circolazione di RFI.

Ad inizio riunione il Direttore Circolazione ha rappresentato i dati della puntualità rilevati a maggio distinti per le diverse tipologie di trasporto che evidenziano un buon miglioramento rispetto a quelli registrati nello stesso periodo del biennio precedente. La puntualità a destino entro i 5' del segmento Treni a Mercato è migliorata del 13,8%, quella dei treni del Servizio Universale del 7,3 e per il Trasporto regionale del 3,1. Nel trasporto merci la puntualità rilevata entro i 30' il miglioramento è stato del 2%.

E' stato poi illustrato l'andamento delle consistenze del personale, aggiornata ad aprile 2019, che presenta una crescita di 250 unità rispetto a quella di dicembre 2018, essendo state effettuate 297 assunzioni di Capi Stazione e avvenute 47 uscite. Altre 300 assunzioni di CS saranno realizzate entro il prossimo mese di settembre, mentre le dimissioni presentate, che prevedono l'uscita entro dicembre 2018, sono già 360.

A seguire ci è stato riferito come la Direzione stia procedendo con gradualità a completare la copertura delle posizioni delle microstrutture delle Aree Circolazione, mentre per quelle della sicurezza e amministrative si continuerà ad utilizzare ancora per alcuni mesi il service delle Direzioni Territoriali Produzione.

Da parte sindacale abbiamo espresso apprezzamento per il buon andamento conseguito, sottolineando come tale positivo risultato assume un valore maggiore essendo stato raggiunto con l'impegno e la dedizione del personale, sia di Produzione sia di Circolazione, costretto ad operare in condizioni di notevole carenza.

In merito alla situazione del personale della Circolazione abbiamo richiesto di procedere ad un piano di assunzioni di CS superiore a quello previsto in considerazione delle numerose uscite già manifestate e di quelle possibili, essendo presenti molti lavoratori che sono prossimi o che hanno già maturato i requisiti per la quiescenza. Il piano di assunzioni dovrà quindi prevedere un riferimento temporale proiettato al 2020 in modo da creare un bacino di personale da avere sempre a disposizione pronto a subentrare a quello in uscita in maniera che non possa più ripetersi la situazione di grave difficoltà che si vive oggi negli impianti a causa della diffusa e forte carenza. Carenza che interessa anche i profili di Operatore e Tecnico della Circolazione per i quali è necessario che siano attuate rapidamente le procedure per nuove immissioni.

Inoltre, per le microstrutture delle Aree Circolazione insieme al completamento delle responsabilità abbiamo richiesto di procedere alla definizione di un modello di riferimento della composizione quantitativa e qualitativa da applicare su tutto il territorio nazionale così come avvenuto per le Unità e Sale Circolazione. Abbiamo anche ribadito la richiesta di istituire la microstruttura di Gestione Operativa nell'Area Circolazione Venezia-Trieste, unica Area di quelle in cui sono state accorpate le
giurisdizioni di due DTP dove non è stata prevista, privando così di un presidio del processo circolazione una realtà molto importante nell'ambito del trasporto ferroviario.

Infine, abbiamo sollecitato che venga dato un forte impulso per la realizzazione della logistica nelle sale circolazione, che risulta ancora carente, e per l'ammissione ai treni del personale per raggiungere le sedi di lavoro, in particolare in quelle realtà dove il servizio è effettuato da altre imprese ferroviarie.

Nella replica è stato riferito come da parte aziendale il tema delle uscite per pensionamento sia molto attenzionato e per il quale è previsto entro il mese di settembre un momento di verifica per dar seguito al necessario piano di assunzioni da realizzare. In merito alle microstrutture delle Aree Circolazione ha informato che è in corso un approfondimento interno per stabilire le figure professionali a supporto dei responsabili, mentre per la realtà di Trieste ha dato garanzie che, al termine di valutazioni in atto, sarà istituita una struttura rimandandone la specificazione in una prossima riunione. E' stato anche confermata la volontà di dare seguito a quanto previsto dagli accordi in merito alla Logistica dando disposizioni in tal senso alle strutture territoriali, e di attivarsi nei confronti della Holding per la definizione dell'accesso ai treni del personale per servizio.

Al termine della riunione il Responsabile delle Risorse Umane e Organizzazione, in relazione all'ultimo incontro tenutosi con la Direzione Sanità, ci ha informato che il numero di assunzioni di personale medico, amministrativo e paramendico che saranno effettuate è di 30 unità invece delle 13 annunciate in detta riunione.

Roma, 06 giugno 2019

Le Segreterie Nazionali