Archivio comunicati

28.01.2012
Giglio, Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uilt rispondono a Usclac-Uncdim «I nostri capitani sono conosciuti nel mondo per serietà e professionalità»
Comunicato

«I comandanti italiani vengono presentati come incoscienti che mettono a repentaglio la vita di migliaia di persone per il sorriso di una passeggera o per dimostrare coraggio. La realtà ben diversa». Così hanno scritto in un comunicato unitario dei dipartimenti marittimi dei principali sindacati di categoria, Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti, esprimendo «sconcerto» per le affermazioni fatte nel corso della conferenza stampa di ieri a Genova da Usclac-Uncdim - il sindacato dei Capitani Lungo Corso al Comando e dei Capitani Direttori di Macchina - sull'incidente della Costa Concordia.

I marittimi di Cgil, Cisl e Uil hanno subito contestato alcune dichiarazioni definite «sconvolgenti», come quelle sulla pratica dell'inchino descritta da Usclac-Uncdim come «una stupidaggine che si fa per far divertir le passeggere» o addirittura «per dimostrare coraggio».

«I nostri comandanti - hanno ribadito invece le organizzazioni sindacali dei marittimi di Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti - sono conosciuti nel mondo per preparazione professionale, serietà, senso del dovere. E non a caso le più grandi compagnie di navigazione li utilizzano. Potremmo parlare di Princess Cruises, Carnival (CCL), Carnival UK, RCCL, MSC, Silversea, ove decine di loro si sono meritati fiducia e rispetto». Secondo i sindacati dei marittimi, «i nostri comandanti sono fra i migliori, eredi di una tradizione antica e massima espressione della cultura marinara del nostro paese».

IL TUO CONTRATTO
  • 06.06.2017
    Contratto integrativo Cin Tirrenia amministrativi/marittimi.
  • 01.07.2015
    Verbale di accordo per il rinnovo dei contratti collettivi nazionali di lavoro del settore marittimo