Martedì 24 Maggio 2022 - 21:13

Trasporti, Pellecchia: Mims ci convochi su crisi trasporto ferroviario e gomma per Covid

Comunicati Stampa

Comunicati Stampa / Trasporti, Pellecchia: Mims ci convochi su crisi trasporto ferroviario e gomma per Covid
Comunicati Stampa - Trasporti, Pellecchia: Mims ci convochi su crisi trasporto ferroviario e gomma per Covid

8 Gennaio 2022

“Abbiamo preso atto dell’allarme lanciato da Italo Ntv e da alcune aziende di trasporto ferroviario merci e trasporto su gomma, che affermano di avere difficoltà a causa della carenza della domanda di trasporto e del blocco dei sussidi. Abbiamo necessità di capire meglio qual è l’impatto che le aziende prevedono sia sul servizio sia sui livelli occupazionali”. È quanto dichiara Salvatore Pellecchia, Segretario generale della FIT-CISL, che prosegue: “Nel caso di Italo Ntv, ad esempio, abbiamo inviato una richiesta di incontro proprio per affrontare questi temi; lo stesso faremo per la gomma. Va detto che entrambi questi settori dopo due anni di pandemia sono al limite dell’emergenza, e parliamo sia delle aziende pubbliche sia di quelle private. Le imprese infatti devono fare i conti con il calo della domanda dovuto allo sviluppo dello Smart working e alla crisi del settore turistico dovuta alle restrizioni della circolazione delle persone imposte dal nostro e dagli altri Governi per contrastare la diffusione del Covid, con l’aumento, nel settore ferroviario, di circa il 120% dei costi dell’energia elettrica e con il blocco, a partire dal mese di settembre 2021, dei sussidi atti a finanziare lo sconto sul pedaggio delle tracce ferroviarie, in controtendenza quest’ultimo con le decisioni prese nel resto d’Europa”.

Prosegue il Segretario Generale della FIT-CISL: “Inoltre, problemi legati a limitazioni della velocità dei treni merci stabilite dall’Agenzia che regolamenta il settore si aggiungono a quelli già evidenziati”.

Conclude Pellecchia: “In questo momento non si deve parlare di posti di lavoro a rischio, ma appare chiaro che, se la congiuntura negativa persisterà e se non ci sarà una risposta del Governo in termini di sussidi in analogia a quanto avviene nel resto d’Europa, le aziende inizieranno a scaricare i problemi sul lavoro. Per tutte queste ragioni chiediamo un incontro al Mims che includa le associazioni datoriali e le aziende in modo da compiere un’inversione a U rispetto alla crisi attuale, individuando soluzioni concrete che garantiscano i livelli di mobilità di persone e merci di cui il Paese ha bisogno, preservando al contempo i livelli occupazionali e il reddito dei lavoratori che, lo ricordiamo, anche durante il periodo di lockdown dovuto alla pandemia non si sono mai fermati e pertanto bisogna parlare di rinnovo dei contratti collettivi nazionali di lavoro scaduti già da dodici mesi piuttosto che di presunti esuberi”.

Login

Effettua il login con le tue credenziali per accedere a tutti i contenuti pubblicati sul sito.
Hai dimenticato la password?

Newsletter

Inserisci i tuoi dati per iscriverti alla newsletter di FIT-CISL.

Chi siamo e cosa facciamo dei tuoi dati personali? Il Titolare del trattamento e' FIT CISL, con sede in Via Antonio Musa, 4, 00161 Roma (RM), tutela la riservatezza dei tuoi dati personali e garantisce ad essi la protezione necessaria da ogni evento che possa metterli a rischio di violazione. Il Titolare ha nominato un Data Protection Officer (DPO) che puoi contattare se hai domande sulle policy e le prassi adottate. I dati di contatto del responsabile della protezione dei dati sono i seguenti: Protection Trade S.r.l. via G. Morandi 22 Itri 04022 Itri (LT), mail [email protected]