Martedì 04 Ottobre 2022 - 22:14

Trasporto Aereo, Fit-Cisl: urgente cambio di rotta per intervenire su criticità settore

Comunicati Stampa

Comunicati Stampa / Trasporto Aereo, Fit-Cisl: urgente cambio di rotta per intervenire su criticità settore
Comunicati Stampa - Trasporto Aereo, Fit-Cisl: urgente cambio di rotta per intervenire su criticità settore

14 Settembre 2022

Confidiamo nell’immediata attenzione e azione delle Istituzioni governative affinché il settore venga riportato agli elevati standard operativi che lo hanno caratterizzato in passato e che, al contempo, garantivano la professionalità dell’impiego aeroportuale ad un livello di eccellenza. È quanto comunica la Fit-Cisl in una nota ai responsabili dell’ETF e dell’ETF Aviation Conference in corso oggi a Bruxelles.
Partendo da alcune previsioni di recupero del traffico, totalmente sbagliate, infatti si prevedeva il ritorno ai livelli di traffico pre-pandemia del 2019 solo nel 2024 e collegando questo tema a quello relativo alle esigenze di organico che sono state conseguentemente sottostimate, l’estate negli aeroporti e nei cieli è stata quanto mai rovente.

La carenza di personale a tutti i livelli e in tutte le aziende (Controllo del traffico aereo, vettori, gestori aeroportuali, security aeroportuale, handlers) ha come conseguenza, oltre ai disagi per i passeggeri, un aggravio dei carichi di lavoro per chi continua a far parte degli organici delle diverse società , spiegano dal sindacato cislino. Le turnazioni di impiego vengono modificate costantemente e talora, comunicate ai dipendenti senza l’opportuno preavviso, complicando così una serena gestione della vita e degli impegni personali; il personale licenziato in periodo pandemico ha spesso trovato occupazione altrove, rendendo di fatto ancor più critica la ricerca di risorse adeguatamente qualificate.
È indispensabile restituire al sistema il suo equilibrio invertendo questa rotta che in assenza di concreti segnali, porterà ad una escalation di negatività in termini di qualità del servizio e di sicurezza sul lavoro. Ci sono compiti che non potranno essere correttamente garantiti se proseguirà il continuo turn over del personale.

La Fit ha sollecitato il MIMS e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali su questi temi da tempo, si ricorderà il “manifesto sul trasporto aereo” del 25 febbraio 2021 dal titolo” SOSTENIAMO IL TRASPORTO AEREO: FACCIAMO VOLARE LA RIPRESA”. Il manifesto che fu inviato anche all’ETF, oltre che alle Istituzioni Centrali, ai prefetti, ai Presidenti delle regioni e a tutti i Sindaci dei Comuni ove fossero presenti degli aeroporti, poneva tra i punti cardine di inserire il trasporto aereo nel Piano di ripresa economica, con l’obiettivo di mettere in atto i necessari investimenti utili a rivitalizzare il settore anche attraverso il varo di un piano nazionale di riordino degli aeroporti nazionali eliminando le attuali asimmetrie competitive e sviluppando una adeguata intermodalità.

Un altro importante tema portato all’attenzione era quello del completamento della riforma del sistema del trasporto aereo, avviata con l’art. 203 del Decreto Rilancio, che si è rivelato un provvedimento necessario ma non sufficiente. Affinchè siano superate tutte le forme di dumping contrattuale – prosegue la nota della Fit-Cisl – che la concorrenza si sviluppi quindi sulla effettiva capacità delle imprese di offrire un miglior servizio, urge una direttiva che prescriva che le aziende basate sul territorio nazionale applichino, esclusivamente, il contratto collettivo nazionale di lavoro del trasporto aereo. Nelle more del varo di tali previsioni legislative, la Fit-Cisl, anziché rimanere inerme o peggio ancora lamentarsi, continuerà, attraverso la contrattazione, a migliorare progressivamente le condizioni di lavoro e la retribuzione delle lavoratrici e dei lavoratori del trasporto aereo.

L’auspicio del sindacato – conclude la nota – è che gli stakeholder interessati possano prendere in esame quanto segnalato, entrando da subito nel merito per affrontare i problemi presenti evitando che peggiorino, individuando soluzioni condivise per rilanciare un settore che da solo dà lavoro a quasi 42 mila persone.

Login

Effettua il login con le tue credenziali per accedere a tutti i contenuti pubblicati sul sito.
Hai dimenticato la password?

Newsletter

Inserisci i tuoi dati per iscriverti alla newsletter di FIT-CISL.

Chi siamo e cosa facciamo dei tuoi dati personali? Il Titolare del trattamento e' FIT CISL, con sede in Via Antonio Musa, 4, 00161 Roma (RM), tutela la riservatezza dei tuoi dati personali e garantisce ad essi la protezione necessaria da ogni evento che possa metterli a rischio di violazione. Il Titolare ha nominato un Data Protection Officer (DPO) che puoi contattare se hai domande sulle policy e le prassi adottate. I dati di contatto del responsabile della protezione dei dati sono i seguenti: Protection Trade S.r.l. via G. Morandi 22 Itri 04022 Itri (LT), mail [email protected]