Lunedì 17 Giugno 2024 - 14:03

Comunicato incontro con ANSFISA

Documenti

Documenti / Comunicato incontro con ANSFISA
Documenti - Comunicato incontro con ANSFISA

4 Giugno 2024

Dopo quasi un anno dall’ultimo incontro, nonostante sollecitazioni da parte sindacale, ieri, 03 giugno 2024, si è svolta la riunione periodica con l’Agenzia. Una riunione che è servita non solo per fare il punto sulle diverse questioni tuttora aperte, ma anche (e soprattutto) per valutare e rafforzare alcune buone pratiche che interessano la sicurezza dell’esercizio e del personale che opera in e per conto delle ferrovie.
In apertura, il responsabile, ci ha segnalato che è in fase di completamento la riorganizzazione di ANSFISA che vede una nuova strutturazione in settori, con modifiche di coordinamento interno. A tal proposito, come OO.SS., abbiamo chiesto, ed ottenuto, di ricevere il nuovo organigramma comprensivo delle funzioni e dei responsabili dei vari settori. In modo da snellire, anche lato sindacale, il processo di comunicazione.
Per quanto attiene i vari argomenti toccati, possiamo sintetizzarli come segue:

  • Modifica RCF (Decreto ANSF 04/2011). L’Agenzia, cogliendo quanto più volte richiesto dal sindacato, sta insistendo con gli organismi Europei per evitare uno stravolgimento dell’attuale regolamentazione italiana (tra cui l’eliminazione dell’obbligo del CT a bordo dei treni passeggeri, lasciando discrezionalità in tal senso alle imprese ferroviarie). Per le opportune verifiche di allineamento alle norme europee e in attesa di capire se verrà optato per la creazione di un “Regolamento Europeo di Circolazione Ferroviaria” nel quale salvaguardare alcune norme previste dal nostro attuale RCF, ANSFISA ha richiesto la sospensione delle modifiche fino al 2026.
  • Protezione Cantieri su infrastruttura ferroviaria. Su richiesta del sindacato, ANSFISA ha comunicato che sta lavorando in sinergia con altre istituzioni responsabili dell’attività di vigilanza (INL, ASL, POLFER) per evitare il ripetersi di incidenti gravi quale quello di Brandizzo. Non avendo l’Agenzia competenza specifica in materia di ispezioni dei cantieri, ha sottolineato come stia procedendo a sensibilizzare i vari attori coinvolti, ed anche i lavoratori e la stessa RFI, nel segnalare tutte le anomalie procedurali. Inoltre ci ha informato che prosegue la sperimentazione sul Sistema Integrato Protezione Automatica Cantieri, con l’apertura e la chiusura dell’interruzione tramite tablet in dotazione al personale (con contestuale inibizione dell’apertura dei segnali).
  • Piano di soppressione PL. Rispetto alla soppressione degli oltre 4000 passaggi a livello ancora esistenti in Italia, l’Agenzia ha informato le OO.SS., anche a seguito delle ripetute richieste di intervento da parte delle medesime per arginare il dilagante fenomeno degli incidenti in tali sedi, che la soppressione fisica spesso presenta problematiche quasi mai di facile soluzione (difficoltà tecniche, burocratiche, ecc). Significando che conviene orientarsi verso altre soluzioni tecnologiche tra cui il sistema di rilevamento ingombro (PAI-PL). A tal proposito ha comunicato che la sperimentazione sull’affidabilità della tecnologia è andata a buon fine e che pertanto è stato richiesto a RFI un maggior impegno nella progressiva installazione. Si passerà dalla attuale protezione di circa 60 PL ad un attrezzaggio, con tale tecnologia, di 400 PL/anno. Ansfisa, come più volte richiesto dal sindacato, continuerà le campagne di sensibilizzazione, rivolte alla popolazione, sulla pericolosità degli attraversamenti a raso e dei PL e sulla condotta da tenere in caso di indebito ingombro dello stesso, anche ragionando su una nuova apposita segnaletica lato strada. Inoltre sta cercando, con tutte le istituzioni coinvolte, di stilare un protocollo per installare sistemi di vigilanza dei PL, in linea con il codice della strada, con lo scopo di sanzionare i comportamenti scorretti dell’utenza.
  • Concordanza deviatoi. È stato comunicato che la fase sperimentale è terminata con ottimi risultati e si proseguirà nell’utilizzo di tale modalità procedurale al fine di evitare inconvenienti manutentivi causati da errore umano. Inoltre ha comunicato che è stata conclusa una sperimentazione con l’utilizzo del tablet quale ulteriore contributo alla sicurezza delle attività manutentive.
  • AUDIT e formazione del personale. Rispetto agli audit e alle ispezioni compiute da ANSFISA nella verifica dei processi formativi e dell’acquisizione delle competenze, come sindacato abbiamo richiesto di essere messi a conoscenza dell’esito delle attività. Allo stato attuale, l’Agenzia ha comunicato che su un totale dei controlli svolti (anche a seguito di segnalazioni) nei centri di formazione ha portato a rilevare un 4% di anormalità sul totale. Tale percentuale aumenta andando a controllare le zone tachigrafiche digitali (di condotta).
  • Soccorso al treno. Non avendo ANSFISA, a tal proposito, aggiornamenti rispetto all’ultimo incontro, come OO.SS. abbiamo sollecitato approfondimenti nel corso della prossima riunione.
    Come sindacato continueremo a chiedere ad ANSFISA maggiori controlli che possano ridurre l’incidentalità nel settore ferroviario, lavorando in sinergia, ognuno all’interno delle proprie aree di competenze, per ottenere tali risultati e vigileremo affinché gli intendimenti presi nel corso dell’incontro vengano rispettati.
    L’incontro è stato aggiornato al mese di ottobre p.v.
    Roma, 04 giugno 2024
    La Segreteria Nazionale

Login

Effettua il login con le tue credenziali per accedere a tutti i contenuti pubblicati sul sito.
Hai dimenticato la password?

Newsletter

Inserisci i tuoi dati per iscriverti alla newsletter di FIT-CISL.

Chi siamo e cosa facciamo dei tuoi dati personali? Il Titolare del trattamento e' FIT CISL, con sede in Via Antonio Musa, 4, 00161 Roma (RM), tutela la riservatezza dei tuoi dati personali e garantisce ad essi la protezione necessaria da ogni evento che possa metterli a rischio di violazione. Il Titolare ha nominato un Data Protection Officer (DPO) che puoi contattare se hai domande sulle policy e le prassi adottate. I dati di contatto del responsabile della protezione dei dati sono i seguenti: Protection Trade S.r.l. via G. Morandi 22 Itri 04022 Itri (LT), mail dpo_fitcisl@protectiontrade.it